Diatermocoagulazione (asportazione piccoli nei o fibromi penduli per elettrocoagulazione)

Prezzi e disponibilità in tempo reale

Diatermocoagulazione cos'è?

La diatermocoagulazione è una metodica utilizzata per l'asportazione di piccole parti di tessuto epidermico.

Conosciuta anche come elettrocoagulazione, è una metodica impiegata in ambito dermatologico per la rimozione di piccole porzioni di tessuto epidermico, con lo scopo di trattare e risolvere alcuni tipi di affezioni e disturbi cutanei, ad esempio al naso.

Diatermocoagulazione come si esegue?

La diatermocoagulazione si effettua impiegando un apparecchio, il diatermocoagulatore, che crea una corrente elettrica ad impulsi e ad alta frequenza, grazie alla quale è in grado di cicatrizzare e tagliare i tessuti superficiali cutanei.

La pulsazione, la frequenza e l'intensità della corrente elettrica variano in base a l’operazione di taglio oppure a quella di cicatrizzazione.

L’asportazione lesione per elettrocoagulazione è utilizzata per ottenere attraverso il calore la coagulazione o la distruzione di tessuti patologici; a questo scopo vengono utilizzati strumenti che generano una corrente elettrica ad impulsi capace di tagliare o cicatrizzare l'epidermide.

Lo strumento concentra la corrente su di un catodo di piccole dimensioni messo a contatto con la regione interessata dall'operazione, mentre l'anodo ,di grande dimensione, viene posto a contatto con un'altra parte del corpo in modo da consentire alla corrente di scorrere. Di quest’ultima possono essere variate intensità, frequenza e pulsazione, a seconda che si abbia intenzione di tagliare o cicatrizzare.

Preparazione

RICHIESTA MEDICA NON OBBLIGATORIA

Contenuti approvati dal Comitato Editoriale.
Data ultimo aggiornamento: 2021-05-18

Le informazioni presentate hanno natura generale, sono pubblicate con scopo divulgativo per un pubblico generico e non sostituiscono il rapporto tra paziente e medico.

Leggi di più

Disponibilità e prezzi in tempo reale